fbpx
CalcioCalcio femminileRoma Femminile

Olimpico da record e romaniste grintose

In una cornice da record, allo stadio Olimpico la Roma di mister Spugna perde solo di un gol contro il mastodontico Barcellona in Champions League

All’Olimpico della capitale scendono in campo per la primissima volta le ragazze della Roma femminile contro il Barcellona per l’andata dei quarti di finale della Champions League.

In una conrnice di 39454 spettatori presenti le giallorosse soffonro l’attacco blaugrana e solo al 34′ le catalane trovano il gol con Salma Paralluelo, nonostante Camelia Ceasar abbia compiuto ben 9 interventi sulle conclusioni delle spagnole.

La Roma non demorde e pi si avvicina al finale di gara, più si fa pericolosa, ma Sandra Paños dice più volte di no a Valentina Giacinti e a Manuela Giugliano.

L’Olimpico è caldissimo sugli spalti, il tifo non manca, la Curva Sud è piena e spinge le ragazze con cori d’incitamento. A questo si aggiunge la performance canora di Noemi e di Carl Brave durante l’intervallo che fa cantare l’intero stadio.

La Roma nonostante la sconfitta riesce ad incantare a dare un nuovo segnale al calcio femminile italiano: il numero di spettatori diventa record in Italia. I romanisti escono dallo stadio col sorriso perché la sconfitta c’è stata solo sul campo, ma di misura. Le romaniste hanno reagito bene alle emozioni con grinta e questo per i tifosi è ciò che conta maggiormente.

Le giallorosse non giocheranno nel weekend per il turno di riposo previsto per loro dalla serie A nella poule scudetto e torneranno in campo proprio contro le blaugrane mercoledì 29 marzo alle ore 18,45 al Camp Nou di Barcellona.

Le formazioni:

ROMA (4-4-2):
Camelia Ceasar 12, Elisa Bartoli 13 (C) (Lucia Di Guglielmo 3), Carina Wenninger 23, ELena Linari 32, Moeka Minami 2, Annamaria Serturini 15 (Benedetta Glionna 18), Giada Greggi 20 (VIcky Losada 14), Manuela Giugliano 10, Andressa 7, Valentina Giacinti 9.

Coach: Alessandro Spugna

BARCELLONA (4-3-3):

Sandra Paños 1, Lucy Bronze 15 (Marta Torrejón 8), Irene Paredes 2, María León 4, Fridolina Rolfö 16, Aitana Bonmatí 14, Keira Walsh 21, Patrícia Guijarro 12 (Ingrid Engen 23), Caroline Graham Hansen 10 (Bruna Vilamala 19), Asisat Oshoala 20 (Geyse 18), Salma Paralluelo 17 (Ana-Maria Crnogorčević 7).

Coach:Jonatan Giráldez

Reti: 34′ Paralluelo (Barcellona).

Ammonizioni: Giacinti (Roma), Paredes (Barcellona), Bronze (Barcellona).

Arbitro: Iuliana Demetrescu della federazione rumena

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio
Notizie anzio, nettuno