Regione Lazio

Riceviamo e pubblichiamo l’appello di una mamma di Ardea € 400 per giocare tranquilli al cimitero di Ardea (RM)

Riceviamo e pubblichiamo l’appello di una mamma di Ardea

€ 400 per giocare tranquilli al cimitero di Ardea (RM)

 

Caro sindaco Luca Di Fiori,
sono una mamma di Ardea (RM), pago più di 400€ all’anno per vedere il paese dove abito “un pò” pulito. Invece, al di là della raccolta dell’immondizia davanti a casa (e vi ringrazio per questo!), non ho altro.
Fino a due mesi fa, per mia fortuna, non conoscevo il nuovo cimitero di Ardea, quindi vi “giustificavo” pensando che forse non eravate in grado di fare di meglio. Così, quando i miei figli mi chiedevano “mamma ci porti al parco giochi”, oppure “mamma, andiamo a fare un giretto”, ho sempre deviato, obbligata, verso un centro commerciale per cercare di soddisfare in qualche modo questa loro naturale richiesta. Ora, invece, ho scoperto un bellissimo posto ad Ardea dove i nostri amati defunti hanno molto più diritto e rispetto di noi in vita: il nuovo cimitero di Ardea, un luogo curatissimo, pulitissimo, dove tutti sono gentili ed educati, dove c’è la raccolta differenziata e viene rispettata, dove non c’è nemmeno una briciola di pane per terra, dove tutto luccica di pulito, dove ci sono aiuole, fiori,.. Sono molto felice che i nostri amati abbiano questo bellissimo trattamento, ma non capisco perchè io, come tanti altri ancora in vita, non ne abbiamo il diritto.
Ora, io non amo fare polemiche e preferisco la comunicazione civile, quindi tenga presente questo mio messaggio come una cittadina amareggiata, non è mia intenzione fare la cafona..
Sono arrivata ad Ardea quasi 10 anni fa e lo vedevo come il luogo con il clima perfetto che sarebbe potuto diventare il paradiso viste le sue potenzialità. Mi ridevano in faccia quando dicevo “dai date fiducia, lo capiranno”..oggi, da mamma, continuo a vergognarmi perchè su 40.000 abitanti non c’è un parco giochi, perchè su 40.000 abitanti non posso fare una passeggiata in pace senza dover “ammirare” montagne di immondizia e detriti di ogni genere, perchè per nascondere la mia tristezza, quando guido, faccio il gioco del “schiva-buche” così i miei figli si divertono e magari non capiscono che li sto facendo vivere in un luogo che assomiglia a un purgatorio.
Io non capisco..ho vissuto in un luogo del nord dove con nemmeno 100 euro l’anno, con 100.000 abitanti, tutto funziona: strade pulite, parchi giochi funzionanti, strade sicure,.. Ora, io non chiedo di vivere in un paradiso perchè per fortuna sono viva e vegeta, ma non ho nemmeno l’obbligo di fare il purgatorio prima del tempo..le pare?
Oggi, mio figlio voleva giocare all’aperto, come tante altre giornate e io, dopo aver scoperto questo bellissimo cimitero dove non mi devo preoccupare di nulla, visto che lui non capisce ancora che posto è, beh signor sindaco, eccolo che gioca felice nel praticello del cimitero di Ardea..invece che al parco giochi come dovrebbe essere per tutti i bambini..
Allora, gentilmente, me lo dica lei cosa devo pensare: che non sapete fare meglio di così o che per vivere i miei diritti, che pago salatissimo, ripeto più di 400 € l’anno, posso credere in voi che al cimitero dimostrate di essere in grado? Perchè mi scusi ma io non capisco perchè da viva e pagante non posso usufruire di ciò che mi spetta di diritto.
E mi scusi se mi permetto di dirle che non ho bisogno di parole..ma di dimostrazioni, come ne hanno bisogno tutti gli abitanti del purgatorio di Ardea…
Grazie..

Ardea 13 Gennaio 2017

 

Liliana Amoreluce Scavoni

Abbiamo letto questa lettera pubblicata dalla signora Liliana sul suo profilo Facebook che ci ha autorizzato a pubblicarla sul nostro giornale. Innanzitutto non possiamo non fare i nostri complimenti alla società appaltatrice Taffo che gestisce il cimitero di Ardea, e che si è messo più volte in evidenza per diverse iniziative, come il servizio navetta gratuita per recarsi al cimitero comunale.

Essere costretti a portare un bambino a giocare in un cimitero perché è il giardino più curato di un comune è davvero deprimente. Il problema dei parchi purtroppo non è solo di Ardea, ma di tutto il litorale e questo dovrebbe far riflettere gli amministratori locali. La formazione sociale dei nostri bambini passa soprattutto attraverso l’interazione tra coetanei. Scriveva il filosofo francese Michel Montaigne;  “i giochi dei bambini non sono giochi, e bisogna considerarli come le loro azioni più serie”. Ci auguriamo che questa lettera venga presa in seria considerazione da chi ha la responsabilità di governare i nostri comuni. Ma senza promesse pirotecniche alle quali abbiamo spesso assistito nelle campagne preelettorali, ma con programmi seri e attuabili per i nostri bambini e per i nostri giovani, che sono il futuro di questo Paese. Inoltre i nostri comuni;  Ardea, Anzio, Aprilia, Anzio e Nettuno, sono città turistiche ed è necessario per la valorizzazione del territorio, creare spazi ludici, culturali, artistici al fine, non ultimo, di essere attrattivi e rilanciare lo sviluppo economico. Se facciamo cresce bene i nostri bambini ed i nostri giovani domani avremo cittadini formati socialmente che s’impegneranno a valorizzare le proprie vite e il territorio dove sono nati e cresciuti.

MB

Articoli correlati

Back to top button
Notizie anzio, nettuno
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Adblock Detected