fbpx
AttualitàItalia

Morbillo, italiani creano database mondiale pubblico con dati aggiornati

(Adnkronos) – L'universo del morbillo in un unico database pubblico e accessibile per conoscere l'andamento epidemiologico globale e le strategie messe in atto dai Paesi. E' il lavoro realizzato dall'epidemiologo Massimo Ciccozzi, responsabile dell'unità di Statistica medica ed Epidemiologia del Campus Bio-Medico di Roma, con Fabio Scarpa dell'Università di Sassari e Marta Giovannetti della Fundação Oswaldo Cruz di Minas Gerais (Brasile). Il lavoro è stato presentato su 'Infectious Disease Report'.  "Il nostro team ha sviluppato un database ad accesso aperto 24 ore su 24 per il monitoraggio globale del morbillo, facilitando la raccolta e l'analisi standardizzata dei dati – racconta Ciccozzi all'Adnkronos Salute – L'analisi dei casi di morbillo dal 2011 al 2023 rivela tendenze fluttuanti, con notevoli aumenti in Africa nel 2019 e nel 2023, indicando potenziali lacune nelle strategie di controllo. Utilizzando uno strumento di rilevamento automatizzato del segnale sviluppato dal team del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc), abbiamo identificato 28 variazioni significative tra le regioni dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), sottolineando l'importanza del monitoraggio continuo per rilevare tempestivamente i cambiamenti epidemiologici. Questi risultati – aggiunge – sottolineano la necessità di robusti sistemi di sorveglianza e di sforzi accelerati di vaccinazione per salvaguardare la salute pubblica".  "Questo database non solo rende i dati facilmente accessibili ai ricercatori e agli operatori sanitari, ma supporta anche l’analisi e il monitoraggio delle tendenze globali del morbillo. Aderisce al modello dell'Ecdc – prosegue Ciccozzi – per l'utilizzo del suo strumento di rilevamento automatico del segnale, facilitando l'identificazione precoce di anomalie o preoccupazioni nella diffusione del morbillo e consentendo tempestive misure preventive e di controllo in risposta ai cambiamenti del tasso di incidenza". "La copertura vaccinale e le tendenze nelle varie regioni dell’Oms presentano scenari diversi. Il trend al ribasso in Africa è preoccupante, indicando una regressione dei programmi di vaccinazione e una crescente vulnerabilità alle epidemie. Sebbene i tassi di età di copertura nella regione del Mediterraneo orientale siano più elevati, la diminuzione della copertura della seconda dose di vaccino contro il morbillo nel corso degli anni evidenzia la necessità di ulteriori sforzi per garantire l’adozione dei programmi vaccinali", conclude.  —salutewebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio
Notizie anzio, nettuno