Editoriale del Direttore

IL BEL PAESE, TRA GENIO E SREGOLATEZZA  – l’editoriale del Direttore

L’epidemia da COVID 19 ha creato di fatto una cornice entro la quale abbiamo il quadro esplicito, complesso ma chiaro, di una situazione al limite del comprensibile. Siamo capaci di ricostruire, come di lasciar distruggere, di passare dal tripudio alla disperazione, dall’osservanza alla trasgressione, dalla politica più sottile all’antipolitica demenziale, di chiudere le discoteche e lasciare Malpensa senza controlli. Due anni fa, con il crollo del “Morandi”, prendevamo drammaticamente coscienza dell’emergenza per ponti e viadotti, scoprivamo di vivere e viaggiare pericolosamente, non soltanto per essere nati e cresciuti tra zolle continentali in perenne movimento, che hanno plasmato e continuano a modellare ed a cambiare i connotati al Bel Paese, corrugato da Alpi e Appennini, ma perché il genio e la sregolatezza, che da sempre ci contraddistinguono, hanno fatto e fanno sì che prima si realizzino opere mirabolanti e poi si sprofondi con pari negativa capacità in situazioni disastrose, orripilanti. Ricordate la catastrofe della super nave da crociera Concordia, scaraventata e distrutta con innumerevoli vittime sacrificali sugli scogli del Giglio per la leggerezza di un gesto, per un mero narcisistico vezzo rituale, al prezzo incalcolabile di una catastrofe dalla risonanza planetaria? Beh non credo ci sia stata differenza con l’arroganza e la sufficienza o se preferite il menefreghismo con cui si sono lasciate degradare strutture strategiche, dalle minori alle maggiori, come nel caso di Genova , così inquietanti e minacciose, camaleontiche nella loro spettacolare osmosi con il territorio, con le case di comune abitazione, anch’esse legate alla rugginosa sorte degli usurati stralli. Per mille altre “bilance” in cemento precompresso, disseminate ovunque, nelle tangenziali delle città e lungo le ardite arterie che impunturano l’Italico Stivale, non solo si attende per buche e segnaletica svanita, ma vengono rinviati interventi strutturali nel tempo debito, piuttosto che quelli urgentissimi, eufemisticamente alla fine della stagione estiva. Credo che il nostro ( e dico nostro, perché è bene che tutti ci si assuma quanto meno la responsabilità di essere stati comunque tolleranti ) sia un atteggiamento consapevole, nichilista, una sorta di lusso costosissimo, assurdo, che usiamo concederci, preferendo rincorrere la sventura, renderci protagonisti di eroici salvifici gesti, di essere principi del soccorso, anziché re della prevenzione. Ognuno di noi conosce il territorio in cui vive ed è a conoscenza di problemi, difetti, rischi, trasgressioni, nefandezze, eppure attendiamo fatalisticamente gli eventi. Sono convinto, come tutti voi, che la burocrazia pleonastica, di comodo ed il nepotismo, insieme alla corruzione e la criminalità organizzata siano tra i peggiori difetti che avvelenano la nostra collettività. Se però ci vogliamo esercitare nelle analisi , cercare di individuare qualcuna delle cause di tanta disperazione e sommariamente gli autori e i responsabili del sommo degrado attuale, dobbiamo tornare indietro di una trentina di anni, ovvero quando valori e principi secolari su cui si fondavano gli orientamenti democratici del consenso, scelte capitali per il futuro, furono stravolte nel tripudio dei fessi e per mano di pelosi o incompetenti “commissari”, imposti da circostanze davvero straordinarie. Allora si compì il nostro destino, con svendite, privatizzazioni selvagge e aziendalizzazione della politica. Allora, si passò con un sommario amen tra “dagli all’untore” e macelleria giudiziaria, gioiosamente, da quello che sembrava un purgatorio ed invece era un paradiso perduto, non facile da percepire, verso l’attuale inferno, denudandoci di ogni nostra autonoma dignità, affidandoci totalmente alla sovranità leguleia della “commissariata” comunità eurocentrica, in cui siamo stati cacciati senza mai essere stati formalmente consultati. Impoveriti al cinquanta per cento di ogni nostro avere, senza un ruolo strategico della Banca d’Italia, depredati di quasi tutte le aziende dello Stato, con un sistema ferroviario arcaico nel meridione, con la prospettiva di mettere in crisi anche i collegamenti aerei, se si dovesse vendere o stravolgere Alitalia. Adesso ci si trova praticamente di fronte alla terribile alternativa tra vivere o morire di prestiti e/o sovvenzioni. E di fronte a questo dilemma così drastico, il “primum vivere” è una risposta scontata, con tutte le conseguenze del caso, ma difendersi dal Coronavirus non prescinde dalla necessità di risanare vecchie e nuove piaghe purulente, dal contrastare il degrado che cosparge di veleni la terra, l’acqua e l’aria, senza risparmiarci il fuoco. Adesso, la sfida per la salute passa per i TAR, i bonus, la Cassa Integrazione, il MES e non sarà di certo salvifico qualche rinvio di apertura (scuole ?) come di chiusura (discoteche) a toglierci da un impaccio culturale drammatico. Il rispetto delle regole ( se giuste ) risolverebbe drasticamente i problemi e la qualità della vita ne risulterebbe ottimizzata. Tra un mese saremo chiamati al voto per rinnovare le rappresentanze di un terzo delle Regioni a statuto ordinario e per un referendum confermativo sul taglio dei parlamentari nazionali: argomenti che molto hanno a che fare con la capacità rappresentativa dei territori, oggi allo stremo e bisognosi di attenzioni mirate, competenti, eppure si va allegramente incontro alla dissoluzione di una trama già allentata, lisa, diradata dalla soppressione delle Provincie, senza se e senza ma.

Articoli correlati

Back to top button
Notizie anzio, nettuno
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Adblock Detected