Il Direttore Informa

XVII GIOCHI OLIMPICI – ROMA 1960 – IL DOVERE COMPIUTO (27°) – I PRATONI DEL VIVARO – Nota del Direttore

 – I Pratoni del Vivaro ospitarono il « completo » di equitazione. La zona si estende nei pressi di Rocca di Papa in una vallata tra la via dei Laghi e la via Latina, per una lunghezza di circa km. 10 e copre una superficie di circa ha. 133, tra una cornice di montagne.

La località, che dista da Roma circa km. 35, fu scelta per la particolare varietà di andamento del terreno che risultò adattissimo alle esigenze delle prove, per le vaste estensioni di prati erbosi ed ostacoli naturali.

I Pratoni del Vivaro, situati ad una altezza media di m. 500 sul livello del mare, garantiscono anche nei periodi più caldi un clima ideale, con temperature che non superano i 25-26°.

Sui terreni dei Pratoni del Vivaro furono costruiti alcuni servizi a carattere permanente, ampliati e completati in occasione dei Giochi con strutture a carattere provvisorio. In particolare vi si costruì una palazzina ove furono concentrati tutti i servizi di gara, una serie di scuderie per ospitare 120 cavalli, di cui 40 in un fabbricato con caratteristiche definitive e 80 distribuiti in tre blocchi di scuderie realizzati con elementi di cemento armato prefabbricato.

Annesso ai servizi per i cavalli, fu edificato un complesso destinato ai magazzini, materiali, foraggi, infermeria veterinaria, alloggio e servizi cucina e ristoro per il personale di servizio.

I partecipanti alla gara olimpica di Pentathlon Moderno effettuarono la prova equestre dei 5 km. nella zona di Passo Corese. La località, a km. 35 da Roma, assicurò il perfetto svolgimento della prova; d’altra parte il percorso disponeva di attrezzature già collaudate da una serie di manifestazioni di rilievo a carattere internazionale.

DISCIPLINE OLIMPICHE : SPORT EQUESTRI

Articoli correlati

Back to top button
Notizie anzio, nettuno
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Adblock Detected