Editoriale

ATTENZIONE A GIOVANI ED ETICA, MODELLO PER IL PAESE

ON. BRUNO MOLEA

31 maggio 2017 – «La nuova legge regionale sullo sport sia da modello per il Paese e le altre regioni: con la sua attenzione ai giovani, alla promozione sportiva e all’etica nella lotta al doping, la Giunta Bonaccini dimostra con questo atto la sensibilità necessaria a confermare lo sport vera agenzia educativa e veicolo di integrazione e crescita». Così il deputato forlivese Bruno Molea, anche presidente nazionale dell’ente di promozione sportiva Aics e presidente internazionale della Confederazione dello sport amatoriale, commenta l’approvazione della nuova legge regionale sullo sport. «La norma è stata condivisa dall’intero mondo sportivo e approvata senza alcun voto contrario: segno di quanto, e in maniera trasversale, sia riconosciuto il potere sociale dello sport come aggregazione e coesione, ma anche come benessere fisico e sociale – prosegue Molea -. Ci sono diversi aspetti di questa legge che la rendono unica e di modello per le altre Amministrazioni, compresa quella di governo: la carta etica, ad esempio, e la revoca dei contributi ai soggetti e alle società sportive nelle quali si sia fatto uso di doping; le borse di studio per gli atleti emergenti, i bandi per le associazioni riconosciute, i progetti per le scuole anche in orario extrascolastico e la spinta al turismo sportivo. L’appoggio e il riconoscimento allo sport di base così sottolineato in questa norma è anche la spina dorsale della proposta di legge Molea-Fossati ancora ferma al Parlamento: è dallo sport amatoriale, quello rivolto a bambini e anziani e a tutti gli atleti non professionisti che passa il potere più aggregante e sociale dello sport. Il mio plauso al presidente Bonaccini, al sottosegretario alla Presidenza della Giunta regionale Andrea Rossi, e a chi si è impegnato perché questa norma arrivasse al traguardo nei tempi dovuti».

Articoli correlati

Back to top button
Notizie anzio, nettuno
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: