fbpx
ApriliaAttualitàLitoraleMusicaSpettacoloTeatroTerritorio

SABATO 21 OTTOBRE MASSIMO RANIERI AL TEATRO EUROPA DI APRILIA

La voce calda, unica e potente di Massimo Ranieri, uno straordinario showman di razza, con eccezionali doti di cantante, attore e ballerino, completate da una presenza scenica davvero sensazionale. Un perfetto animale da palcoscenico pieno di energia, elegante nei gesti e nei vari outfit della serata, che coinvolge ed entusiasma a prescindere, qualsiasi cosa faccia, mentre canta i suoi più grandi successi, recita, parla, balla, fa ginnastica, si sdraia sul piano o scambia semplicemente qualche battuta simpatica con il pubblico.

Tra una canzone e l’altra, racconterà la sua infanzia a Napoli, gli esordi.Massimo Ranieri, un po’ scugnizzo scansafatiche l’uno, iperattivo, perfezionista e sognatore l’altro, del sacro fuoco della musica, ma anche del teatro, quello con la T maiuscola di Strehler, dell’amore per il mare, che, basta volerlo, “si riesce sempre a vedere da qualche parte, anche oltre un muro”, e altri piccoli e grandi aneddoti tratti dai suoi 60 anni di carriera, in cui non ha mai perso la passione e la voglia di mettersi sempre in gioco. Saranno questi i segreti della sua eterna giovinezza?

Dal desiderio di fare sempre cose nuove, nasce il suo ultimo album, Tutti i sogni ancora in volo, (verso tratto dalla sua celeberrima Perdere l’amore), in collaborazione con Gino Vannelli. I nuovi pezzi si alternano ai grandissimi successi, quali Rose Rosse, Se bruciasse la città, Erba di casa mia, Vent’anni, brani indimenticabili che il pubblico riconosce fin dalle prime note e canta insieme a Massimo, incitato proprio dall’idolo della serata, che dirige spesso il microfono verso la platea.Uno straordinario spettacolo, di quelli da andare a vedere più volte, dove ha giocato la sua parte anche una incredibile scenografia dal forte impatto visivo ed emozionale, creata con l’uso sapiente di luci con colori a contrasto, occhi di bue, fondali cromatici, chiari-scuri in stile fotografico, alternarsi di lampi di luce bianca e black-out.

Due ore e passa di uno show coinvolgente e dal grande ritmo, in cui ricorrono spesso due fili conduttori: i sogni e l’amore.

Come dice Massimo in apertura di concerto, abbiamo tutti quanti bisogno di sognare, guarda caso “sogno” e “sono” sono parole simili tra loro, e poi, anche Shakespeare scriveva “siamo fatti della stessa sostanza dei sogni”. Sognare in grande, con importanti progetti di vita, ponendosi obiettivi, impegnandosi per poterli raggiungere o almeno per cercare di farlo, guardando sempre avanti, ma anche in piccolo, con la semplicità di un sorriso o un buongiorno che sia davvero un giorno buono. Non bisogna mai smettere di sognare, tanto non costa nulla, ma neppure arrendersi mai. Parola di Massimo Ranieri.

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio
Notizie anzio, nettuno