fbpx
CalcioSport

JURIC: GAME OVER?

Dopo la sconfitta contro la Roma, molte le responsabilità del tecnico croato, da Milinkovic ad un gioco ormai scontato

Ennesima sconfitta in campionato per il Torino di Ivan Juric questa volta a Roma contro i giallorossi. Il Toro si scioglie come neve al sole nonostante una buona prova nel primo tempo. I granata come contro la Lazio giovedì sera escono dall’Olimpico con un boccone molto amaro per una sconfitta davvero immeritata.

Gli errori commessi dai singoli costano carissimo alla banda Juric, un dato su tutti: su 38 tiri gol realizzati sono solamente 2. Troppo poco per poter sperare in qualcosa di più dell’ennesima salvezza tranquilla. Il Torino, inteso come squadra, ha segnato gli stessi gol del “Toro” nerazzurro Lautaro Martinez.

Quali sono le principali responsabilità del tecnico croato? La prima su tutte ostinarsi nel far giocare un portiere inadeguato per la massima serie. Milinkovic Savic anche ieri sera è il principale colpevole di una sconfitta dal sapore molto amaro.

A parte il penalty trasformato da Dybala sia sul secondo che sul terzo gol le colpe del portiere serbo sono evidenti. I limiti tecnici evidenziano una difficoltà nello “sdraiarsi” in terra sulle palle basse (nel caso del terzo gol) ma sul secondo sono emersi tutti i limiti di un portiere modesto che, Juric a parte, non ha mai trovato spazio in nessuna squadra (perfino ad Ascoli in Serie B).

Il tiro di Dybala è si forte ma parte da 30 metri in condizioni di visibilità ottimali. Il serbo parte nettamente in ritardo e ancor peggio si tuffa almeno due secondi dopo la partenza del pallone.

I limiti di Milinkovic sono peraltro legati ad evidenti errori di posizionamento e di postura nel tuffo. Molto spesso la spinta non è mai laterale ma sempre “indietro” e quindi favorisce cosi gli attaccanti. Ancora peggio le uscite alte nonostante gli oltre due metri di altezza, il gigante serbo pare incerto per non dire che troppo spesso non esce mai neanche nell’area piccola di competenza sempre del portiere.

Perché a questo punto ostinarsi a far giocare lui? Luca Gemello è così tanto inadeguato e scarso da non poter giocare con continuità e prendere così il ritmo partita? Una partita giocata con annessa “papera” gli sono costate care al prodotto del vivaio granata ma al contrario di Vanja non gli è più stata concessa alcuna chance.

Ma le colpe di Juric non finiscono qui. Il Toro non segna (tra i peggiori attacchi del campionato) nonostante il gioco prodotto fino ai venti metri. Zapata troppo lontano dall’area di rigore avversaria tanto che sembra a volte fare più il terzino che la punta e sulla fascia sinistra manca un uomo che sappia scodellare palloni giocabili. Ostinarsi a far giocare Lazaro fortemente voluto dal mister sulla fascia sinistra lui che è destro naturale è francamente imbarazzante.

I giocatori arrivati non sembrano rendere peraltro rispetto ai soldi investiti dal Presidente Cairo anche lui non scevro di responsabilità.

Vien da chiedere a questo punto se anche le sconfitte contro Lazio e Roma siano colpa sempre dei tifosi granata che hanno smarrito la “garra toro” perché in tre anni non abbiamo mai sentito dal mago di Spalato un’ammissione di responsabilità!

Ma anche le responsabilità di Cairo non sono poche. In tanti anni non si era mai visto un Presidente farsi insultare in “mondo visione” da un dirigente cui poi gli è stato rinnovato il contratto persino con con adeguamento del salario.

Mai si era visto davanti alle telecamere dichiarare “che un tecnico abbia rotto il c… sul rinnovo” esautorando completamente il tecnico davanti allo spogliatoio. Il Toro sembra sempre più una barca alla deriva in mezzo all’oceano con l’ombra di Gattuso dietro Juric per giugno. Una cosa però è certa: Juric Game Over

Seguiteci sulla nostra pagina Facebook e su Ecopalletsnet

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio
Notizie anzio, nettuno