fbpx
Ultim'ora

Israele, ancora raid su Gaza. All’Aja si apre processo per genocidio

(Adnkronos) – Continuano i raid su Gaza mentre all'Aja si apre il procedimento per le accuse di genocidio a Gaza mosse contro Israele. Negli ultimi attacchi israeliani contro una residenza nella città di Khan Younis, nel sud di Gaza, sette persone sono state uccise e 25 ferite contro. Lo riporta l'agenzia di stampa statale palestinese Wafa. Fonti locali hanno riferito che tra le vittime ci sono donne e bambini. Almeno cinque palestinesi sono stati uccisi in un attacco israeliano invece a Rafah, riporta al Jazeera. Israele ha intensificato i bombardamenti e le incursioni di terra nel centro e nel sud di Gaza, con almeno 147 persone uccise nelle ultime 24 ore.  L’assalto di Israele a Gaza – lanciato in risposta agli attacchi del 7 ottobre da parte di Hamas in cui i militanti hanno ucciso 1.200 persone, principalmente civili, e hanno preso in ostaggio 240 persone – continua dunque a provocare un tributo devastante fra la popolazione civile. Dagli attacchi del 7 ottobre, infatti, secondo il ministero della Sanità di Gaza, Israele ha ucciso più di 23.000 palestinesi nella Striscia e si ritiene che circa il 70% siano donne o bambini. L'agenzia di soccorso palestinese delle Nazioni Unite, Unrwa, ha stimato che 1,9 milioni di persone sono state sfollate internamente a causa della guerra a Gaza – quasi l'85% della popolazione – mentre decine di migliaia di edifici sono stati distrutti. Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione che chiede agli Houthi di porre fine agli attacchi alle navi nel Mar Rosso e di liberare la Galaxy Leader, la nave della flotta giapponese Nippon Yusen Kaisha, sequestrata l'anno scorso. Gli Stati Uniti affermano che gli Houthi, sostenuti dall’Iran, hanno effettuato 26 attacchi contro navi commerciali nel Mar Rosso da quando hanno requisito la Galaxy Leader e il suo equipaggio di 25 persone il 19 novembre. La risoluzione sottolinea il diritto degli Stati membri delle Nazioni Unite, in conformità con il diritto internazionale, “di difendere le proprie navi dagli attacchi, compresi quelli che minano i diritti e le libertà di navigazione”. Il capo del comitato rivoluzionario supremo Houthi dello Yemen ha risposto alla risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che condanna gli attacchi Houthi alle navi del Mar Rosso accusando gli Stati Uniti di “violare il diritto internazionale” sostenendo la guerra di Israele a Gaza. In un post sui social media, Mohammed Ali al-Houthi ha anche affermato che Israele deve “fermare immediatamente tutti gli attacchi che ostacolano la vita a Gaza” e ha affermato che il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite dovrebbe garantire che milioni di palestinesi a Gaza siano liberati dalla “guerra israeliana e dall'assedio americano” del territorio. L'assedio militare di Israele è un' “arma mortale” che ha trasformato il territorio palestinese nella “più grande prigione in cui viene praticata la punizione penale collettiva”, ha detto al-Houthi. “Ciò che stanno facendo le forze armate yemenite rientra nel quadro della legittima difesa”, ha affermato. "La decisione adottata sulla sicurezza della navigazione nel Mar Rosso è un gioco politico e sono gli Stati Uniti a violare il diritto internazionale", ha aggiunto. Gli Houthi hanno lanciato numerosi attacchi missilistici e droni contro navi nel Mar Rosso. E intanto oggi inizierà all'Aja il processo per stabilire se la guerra israeliana a Gaza sia un genocidio. La Corte internazionale di giustizia esaminerà la denuncia del Sudafrica che chiede "misure provvisorie" urgenti. La Cpi esaminerà le argomentazioni secondo cui Israele starebbe commettendo un genocidio nella Striscia dopo la richiesta del Sudafrica, che ha portato il caso alla Corte Internazionale chiedendo al tribunale delle Nazioni Unite di agire urgentemente “per proteggere da ulteriori, gravi e irreparabili danni ai diritti del popolo palestinese derivanti dalla convenzione sul genocidio, che continua ad essere violata impunemente”. I casi di genocidio, notoriamente difficili da dimostrare, possono richiedere anni per essere risolti, ma il Sud Africa chiede alla corte di attuare rapidamente “misure provvisorie” e di “ordinare a Israele di cessare di uccidere e di causare gravi danni mentali e fisici al popolo palestinese a Gaza”. La dichiarazione afferma inoltre che Israele dovrebbe cessare di infliggere deliberatamente condizioni calcolate per provocare la distruzione dei palestinesi come gruppo, ricevere l’ordine di prevenire e punire l’incitamento al genocidio e fermare le restrizioni sugli aiuti e le direttive di evacuazione. Quando è stata presentata la richiesta, Israele ha reagito definendola “priva di fondamento” e una “diffamazione”. Tel Aviv afferma di agire per legittima difesa, per proteggere gli israeliani, distruggendo Hamas. Il più grande sostenitore del paese, gli Stati Uniti, ha liquidato il caso definendolo “privo di merito”. Prima del caso, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha pubblicato un video in cui affermava che Israele stava combattendo Hamas, non la popolazione palestinese, e stava agendo nel pieno rispetto del diritto internazionale. “Israele non ha intenzione di occupare permanentemente Gaza o di sfollare la sua popolazione civile”, ha detto il premier. La distruzione delle case a Gaza sono prova di genocidio. Lo ha affermato Balakrishnan Rajagopal, relatore speciale delle Nazioni Unite sul diritto all'alloggio, aggiungendo che circa il 56% delle case a Gaza sono state distrutte o danneggiate. Gli Stati Uniti dal canto loro non vedono invece "alcun atto che costituisca un genocidio" a Gaza. La Corte penale internazionale non riuscirà a ordinare la cessazione dei combattimenti a Gaza. Lo hanno detto funzionari del ministero della Giustizia israeliano al quotidiano Haaretz, secondo cui la Cpi si limiterà a emetterà ingiunzioni contro Israele. Le ingiunzioni potrebbero includere la richiesta a Tel Aviv di consentire l’ingresso di maggiori aiuti umanitari nell’enclave assediata e di consentire ai palestinesi di tornare nel nord di Gaza. —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio
Notizie anzio, nettuno