AttualitàCultura

In libreria dal 7 ottobre SENZA GIRI DI BOA

Venti giornaliste raccontano con testimonianze di donne “senza voce” l’ordinaria resistenza sul lavoro e come si può cambiare tutto

«Le donne le prendo dopo i quattro giri di boa
[matrimonio, figli, divorzio, over 40].
Sono tranquille e lavorano h24»
(Elisabetta Franchi)

Questa è la frase pronunciata con disinvoltura dalla stilista Elisabetta Franchi. E che, dopo un primo momento di indignazione, ha spinto un gruppo di donne a una riflessione più amara: l’imprenditrice, in fondo, ha solo espresso ciò che molti pensano ma non hanno il coraggio di dire. 

È così che nasce #senzagiridiboa, una campagna social lanciata da un collettivo di scrittrici e giornaliste che vogliono dare voce a chi non ne ha, o a chi ne ha troppo poca, mantenendo vivo il dibattito sulla situazione occupazionale femminile nel nostro Paese; dove la maternità resta ancora una sfida complicata. 

Nonostante le leggi che proteggono le lavoratrici madri, infatti, in Italia una donna che desidera un figlio deve pensare non solo se sia il momento giusto per averlo, ma anche se la sua azienda lo gradirà, o se riuscirà a conservare quel lavoro “non standard”, precario, da freelance o a tempo determinato, che non perdona quasi mai un allontanamento dalla propria attività. 

Inoltre, culturalmente, la cura dei figli resta appannaggio delle madri. Un problema sociale che  deve trovare una soluzione sociale. Questo il messaggio racchiuso in “Senza giri di boa” e raccontato attraverso alcune delle centinaia di testimonianze di lavoratrici, precarie, affermate o sfruttate, accomunate dalla voglia di alzare la testa, denunciare e costruire, in contrapposizione al “modello Franchi”,  un modello diametralmente opposto

“Questo libro è il loro libro. Ma – spiegano le autrici –  è anche il nostro libro. È un racconto corale. Uno sforzo collettivo che avevamo disimparato a compiere in questo mondo, il nostro mondo, in cui l’individualismo sfrenato ha spesso il sopravvento: noi ci siamo unite. Abbiamo condiviso idee, impressioni. Ci siamo confrontate, scornate, amate. Questo libro, per noi, è molto più di un libro. È un metodo, un approccio solidale alla vita. Da questo libro ne è nato poi uno spettacolo teatrale, che vedrà la sua prima al Festival di Internazionale a Ferrara. Ma non ci vogliamo fermare, per questo i nostri canali rimangono aperti per chiunque vorrà scriverci.”

La storia di #senzagiridiboa

Le parole di Elisabetta Franchi, dette davanti alla ministra per le Pari opportunità e la famiglia di Italia Viva, Elena Bonetti, collegata da remoto, alla sottosegretaria alla Cultura della Lega On. Lucia Borgonzoni, oltre che a numerose altre imprenditrici, hanno provocato nella platea risolini di approvazione e occhiate di intesa. A noi, invece, quelle parole non hanno fatto ridere affatto, anzi, ci hanno fatto arrabbiare. All’inizio eravamo in cinque. Alle 21.30, nel gruppo WhatsApp, superavamo le trenta. «Allora lanciamo questa campagna?», ci ha chiesto Sara Giudice. «Propongo di postare tutte insieme una foto sui social per rispondere alle parole della Franchi. Che dite?». E così è stato. Alle 22 di quella sera di maggio, ognuna di noi ha lanciato sui propri social network l’hashtag #senzagiridiboa, accompagnato  da una fotografia di se stessa (con o senza pancione, con o senza figli, sul lavoro, in vacanza) e un pensiero, una riflessione personale sulle parole pronunciate dall’imprenditrice della moda. In un paio di giorni, al nostro appello si sono aggiunte decine di altre colleghe. L’hashtag ha iniziato a girare, come si dice, è diventato virale. Alla campagna si sono unite molte altre lavoratrici. Non solo giornaliste ma anche   scrittrici, artiste, sceneggiatrici, blogger, sportive, attrici.

[…] Così abbiamo chiesto a chi ci ha seguito sui social di mandarci le proprie storie. Non ci credevamo, ma in un mese, grazie a chi ci ha dato fiducia, abbiamo raccolto oltre cento testimonianze di lavoro/vita/diritti.

Per #senzagiridiboa hanno scritto:

Francesca Biagiotti, Valeria Brigida, Giulia Cerino, Gaia De Scalzi, Micaela Farrocco, Francesca Fornario, Silvia Franco, Chiara Maria Gargioli, Linda Giannattasio, Sara Giudice, Barbara Gubellini, Sofia Mattioli, Ambra Orengo, Valentina Petrini, Giulia Presutti, Chiara Proietti D’Ambra, Nathania Zevi

Articoli correlati

Back to top button
Notizie anzio, nettuno
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: