fbpx
AmbienteAttualità

In Brasile una coppia ha piantato 2,7 milioni di alberi in 20 anni

(Adnkronos) – “Non chiedete cosa può fare il vostro Paese per voi, chiedete cosa potete fare voi per il vostro Paese”, con queste parole John Fitzgerald Kennedy concludeva il suo discorso di insediamento da presidente Usa il 20 gennaio 1961. Un invito che, diversi chilometri più a Sud, gli sposi Lélia Deluiz Wanick e Sebastião Salgado dovranno aver preso seriamente. Lei è un’autrice e produttrice cinematografica, lui uno dei più grandi fotografi e fotoreporter viventi. Insieme hanno creato una fondazione e piantato 2,7 milioni di alberi nella foresta del Brasile. Una storia lunga 20 anni che permesso il ritorno di 172 specie di uccelli, 33 mammiferi, 15 anfibi, 15 rettili e 293 specie di piante selvatiche. Ma andiamo con ordine. Negli anni ‘90, il fotoreporter brasiliano fu inviato in Ruanda per documentare il genocidio, un’esperienza che lo lasciò profondamente traumatizzato. Al termine di questo lavoro, nel 1994, Sebastião decise di tornare in Brasile, in quell’angolo di Vale do Rio Doce che per entrambi è sempre stato sinonimo di casa. Qui, Sebastião sperava di trovare conforto nella rigogliosa foresta verde che aveva colorato la sua infanzia. Almeno fino alla sconvolgente scoperta: di quella terra non restava più nulla, una terra deserta e quasi completamente sterile, priva di qualsiasi forma di vita: “La terra era malata quanto lo ero io. Solo circa lo 0,5% del suolo era coperto da alberi”, spiegò il celebre fotografo. La deforestazione è una delle principali conseguenze dell’attività umana, che minaccia la biodiversità, il clima e la salute delle persone. In Brasile, la perdita di boschi è stata responsabile di circa il 15% di tutte le emissioni di gas serra.  In un primo momento, Sebastião si sentì inerme di fronte a così tanta distruzione, fu la moglie Lélia a proporgli una sfida molto ambiziosa: ripiantare l’intera foresta. Da allora, la coppia ha iniziato a ricostruire l’intero ecosistema utilizzando solo piante locali e l’area è rifiorita, con annesso ritorno della fauna locale. Grazie al loro impegno, Lélia e Sebastião hanno salvato decine di specie in via di estinzione e ridato vita a parte del polmone verde del pianeta. Il progetto della coppia è iniziato nel 1998 con la fondazione dell’Instituto Terra e ha superato notevolmente le aspettative di piantare almeno 1 milione di alberi. Un progetto che parte da lontano, una missione condotta nel suolo arso della Fazenda Bulcão che la famiglia del fotoreporter aveva acquistato già negli anni ’40. Deciso a favorire il pascolo degli animali, il padre di Salgado aveva progressivamente disboscato il terreno per vendere legname e piantare erba da foraggio. Prima di diventare uno dei fotografi più amati al mondo, Salgado lavorava come economista per la International Coffee Organization. Fu sua moglie a incoraggiarlo ad abbandonare la sicurezza del lavoro fisso e a perseguire con determinazione i suoi sogni nel campo della fotografia: “Mi ha salvato due volte. Prima con la fotografia e poi con la fantastica idea di riportare in vita questa foresta. Sono ritornati tutti gli animali e grazie a questa rinascita della flora, sono rinato anch’io. C’è un solo essere che può trasformare l’anidride carbonica in ossigeno: l’albero. Dobbiamo ripiantare le foreste”, dice Sebastião. La lotta al cambiamento climatico viene spesso presentata come una prerogativa o un obbligo in capo alle sole aziende, le principali responsabili del cambiamento climatico. I risultati, però, dicono che nonostante i miglioramenti degli ultimi anni, siamo ancora e gravemente indietro nella lotta alla crisi climatica. La storia di Sebastião e Lélia ricorda, invece, come ciascuno di noi possa essere al centro della rivoluzione (o meglio, reazione) verde, ciascuno con i propri mezzi. —sostenibilitawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio
Notizie anzio, nettuno