fbpx
AmbienteAmiantoUltim'ora

Amianto e scuole, garantita una maggiore attenzione

È in arrivo un nuovo anno scolastico e nonostante la messa al bando dell’amianto, ad oggi risultano ancora moltissime le scuole italiane contaminate.

Con l’arrivo di settembre si sono riaccesi i riflettori su uno dei problemi più delicati che affligge il nostro Paese, la presenza di amianto nelle scuole e negli altri edifici pubblici. Ad oggi nonostante la messa al bando dell’amianto nel 1992 sono ancora troppi gli edifici ad attendere la bonifica.

Molti di questi sono edifici scolastici che vengono frequentati quotidianamente da migliaia di studenti, esposti così al rischio di contrarre patologie asbesto correlate. Ma l’Italia sembra prender coscienza seppur a piccoli passi, della gravità della situazione.

Ad esempio solo pochi giorni fa Alberto Giovannetti il Sindaco di Pietrasanta, un piccolo centro urbano in provincia di Lucca, ha affermato di voler monitorare con maggiore attenzione la situazione riguardante gli edifici scolastici e comunali della cittadina.

Ma non è il solo ad essersi interessato ad un problema tanto preoccupante, lo stesso Ministro dell’Ambiente, Sergio Costa ha dimostrato una particolare sensibilità sulla tematica assicurando azioni concrete di risoluzione da effettuare quanto prima possibile.

 L’Osservatorio Nazionale Amianto ha intuito invece l’allarme precocemente, mettendo in guardia l’opinione pubblica e promuovendo il rischio amianto e malattie asbesto correlate con l’ausilio di incontri, assemblee pubbliche e numerose monografie scritte a cura dell’avv. Ezio Bonanni, presidente della stessa associazione Onlus.

L’Avv. Ezio Bonanni grazie anche all’aiuto dei suoi collaboratori, è riuscito a segnalare numerosi casi di scuole nelle quali è stata certificata la presenza di asbesto, è il caso dell’ex scuola Bersanti di Firenze che nonostante la chiusura di gran parte della struttura è comunque frequentata da molti giovani atleti esposti così ad un alto rischio.

Le fibre amianto sono paragonabili a delle bombe a orologeria, inalate con una facilità impressionante viste le loro piccolissime dimensioni, esse si innestano nell’organismo umano dando vita ad un’azione cancerogena lunga e silenziosa.

Per questo occorre assolutamente attuare un piano di bonifica nazionale, che possa risolvere in maniera sicura e permanente la problematica che affligge ormai tutto il nostro Paese.

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio
Notizie anzio, nettuno