Editoriale del Direttore

IL SENSO DEL SENZA SENSO

Ieri la RAI, Azienda dello Stato, cui non possono essere negati i contributi puntualmente inclusi in bolletta, sul Canale 1, nell’orario top delle visualizzazioni, prima e dopo del TG delle 20, ci ha servito, senza alcun riguardo per il primo giorno del 2022, le solite due puntate con i soliti quiz, assolutamente inutili e defatiganti, seppure condotte da due signori professionisti, degni di ben altro ruolo, preannunciando a più riprese per le 21.30, Danza con Me, lo show annuale dell’etoile mondiale della danza, Roberto Bolle. Francamente, mi chiedo che senso abbia accanirsi contro l’intelligenza e il buon gusto degli italiani, che ogni santo giorno devono pazientare oltre ogni limite, introiettando amenità e nozioni legate alla cultura della scommessa. Ma ieri, dopo la doppia maratona degli inamovibili format, si sono aggiunte anche le sceneggiate di comica coreutica, che hanno avuto una funzione stonata e dissacrante delle performances superlative di Bolle e di tutte le altre stelle che hanno brillato nel suo programma. Penso che l’emittenza pubblica, per superare il senso del senza senso, dovrebbe avere il coraggio di fare scelte drastiche e diverse, anche in controtendenza rispetto alle logiche commerciali, piuttosto che sforbiciare l’informazione, perché prima di ogni cosa ci si dovrebbe far carico della irrinviabile transizione culturale ed etica del Paese.

Articoli correlati

Back to top button
Notizie anzio, nettuno
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: