Il Direttore Informa

XVII GIOCHI OLIMPICI – ROMA 1960 – IL DOVERE COMPIUTO (19°) IL VELODROMO OLIMPICO ALL’ E. U. R. – Nota del Direttore

  

L’Impianto è stato progettato dagli Architetti Cesare Ligini, Dagoberto Ortensi e Silvano Ricci, vincitori del bando di concorso indetto dal C. O. N. I. tra gli ingegneri ed architetti italiani. La preziosa collaborazione della Direzione dell’ E. U. R. facilitò il compito della scelta del terreno.

L’opera nacque così nella zona del viale dell’Oceano Pacifico, su una superficie complessiva di mq. 65.000. I lavori furono diretti dall’ Ing. Francesco Guidi.

  • capienza, 20.000 spettatori, di cui 5.000 in piedi;
  • 600 Cavalletti di sostegno pista;
  • sviluppo anello alla corda, m. 400;
  • larghezza costante della pista, m. 7,50;
  • lunghezza del rettilineo, m. 64,70;
  • corsia di riposo, m. 0,75;
  • sopraelevazione curve 37″ 27 ;
  • massima sopraelevazione del rettilineo, 9° 55 ‘;
  • sviluppo recinzione esterna, m. 970 con 7 cancelli di entrata.

DISCIPLINE PRATICATE : CICLISMO E HOCKEY SU PRATO

Articoli correlati

Back to top button
Notizie anzio, nettuno
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: