XVII GIOCHI OLIMPICI – ROMA 1960 - IL DOVERE COMPIUTO (7°) – IL MANIFESTO, LA FIACCOLA, L’ARTE - N - L'Eco Del Litorale | Notizie online


Nota del direttore

XVII GIOCHI OLIMPICI – ROMA 1960 – IL DOVERE COMPIUTO (7°) – IL MANIFESTO, LA FIACCOLA, L’ARTE – N

Tra le soluzioni più importanti e più complesse per certi aspetti, troviamo quelle relative al progetto delle differenziazioni della Carta Olimpica destinata ai Giudici; al torneo di calcio con il sistema dei quattro gironi di quattro squadre; nonché allo schema di progetto riguardante la vendita dei biglietti d’ingresso agli stadi ed ai campi di gara.

Questioni di basilare importanza furono affrontate dal Comitato Provvisorio specialmente nella riunione del 21 gennaio 1958, durante la quale fu deliberato di presentare alla Giunta del C.O.N.I. il manifesto prescelto con la proposta di riproduzione in undici lingue e precisamente: italiano, inglese, francese, tedesco, spagnolo, greco, russo, cinese, giapponese, indiano ed arabo.

Nella stessa riunione il Comitato dedicò particolare cura alle manifestazioni d’arte, tra cui quella di far svolgere alcuni eventi agonistici nella suggestiva atmosfera di taluni monumenti archeologici; furono altresì esaminati i rapporti con l’Ente Provinciale per il Turismo.

In sostanza nelle riunioni indette nel primo quadrimestre del 1958 furono adottati dal Comitato provvedimenti di valore pieno tra i quali la decisione per la fornitura di ottomila colombi, l’approvazione del percorso della Fiaccola Olimpica, la stesura del piano relativo al contributo richiesto alle Forze Armate e la preparazione del progetto per l’allestimento della Mostra Fotografica. È dello stesso periodo l’elaborazione del preventivo relativo alle attrezzature per gli stadi ed i campi di gara.

Nella riunione del 4 giugno 1958 il Comitato Provvisorio sottopose all’attenzione ed all’approvazione della Giunta Esecutiva del C.O.N.I. l’opera già compiuta, allo scopo di mettere in luce alcuni aspetti del vasto problema organizzativo e di proporre la ricerca di rimedi e soluzioni più confacenti. La Giunta stabilì il finanziamento per il fabbisogno straordinario; convalidò le proposte per una Mostra di opere d’arte contemporanea; deliberò altresì il piano finanziario e tecnico per la realizzazione del film olimpico e, infine, approvò lo schema del programma agonistico con i rispettivi campi di gara.

Nella riunione del 18 ottobre 1958, la Giunta Esecutiva del C.O.N.I.

ratificò il progetto presentato dal Comitato Provvisorio riguardante la disponibilità dei cavalli necessari per la prova di equitazione del Pentathlon Moderno.

Nella stessa riunione accordò ampio mandato al Comitato Provvisorio di iniziare la distribuzione dei biglietti d’ingresso agli stadi, di studiare i problemi inerenti alla Televisione e di provvedere all’arredamento del Villaggio Olimpico.

La Giunta, infine, dopo una particolareggiata disamina, approvò il programma-orario dei Giochi Olimpici di Roma.





Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi