Ognibene: “Consiglio Regionale ha approvato la mozione sul servizio civile digitale” - L'Eco Del Litorale | Notizie online








Comunicati Stampa

Ognibene: “Consiglio Regionale ha approvato la mozione sul servizio civile digitale”

“In questi mesi di emergenza sanitaria che ha stravolto le nostre quotidianità, si è fatto un gran parlare di digitalizzazione, smart working e di dare uno spazio sempre più importante ai giovani. Proprio per questo mi è sembrato giusto ed importante portare all’attenzione del Consiglio e della Giunta Regionale una mozione dedicata allo sviluppo di un Servizio Civile per la cultura digitale che favorisca la Generazione Z”, così Daniele Ognibene, Capogruppo LeU al Consiglio Regionale del Lazio, ha commentato l’approvazione della mozione per introdurre un servizio civile per la cultura digitale.

“La Generazione Z può e deve dire la sua, ha gli strumenti e quella  conoscenza collettiva che la rende favorita in questa nuova epoca dove la rivoluzione tanto attesa è già passata. Mettere a sistema le conoscenze digitali dei giovani – prosegue Ognibene – equivale e sistematizzare un processo di interazione alto, favorevole a tutti. La somma di questa nuova sfida non ha limiti, non ci saranno vincenti e perdenti, con un nuovo Servizio Civile, pensato per l’era post COVID, vinceranno tutti”.

“I giovani -Continua Ognibene- potranno, per esempio, trasferire le proprie conoscenze agli anziani  così da realizzare un patto tra generazioni, mettendo al centro delle proprio impegno il concetto di generatività”.

“Il servizio civile – conclude Ognibene – rappresenta un’importante occasione di formazione e di crescita personale e professionale per i giovani, che sono un’indispensabile e vitale risorsa per il progresso culturale, sociale ed economico del territorio regionale”.

La mozione approvata dal Consiglio Regionale del Lazio impegna la Giunta a finanziare la legge in materia di servizio civile regionale e a provvedere all’istituzione di un apposito progetto all’interno del servizio civile regionale denominato “Servizio civile per una cultura digitale”.

 





Top