NETTUNO MOVIDA VIOLENTA, TRAGEDIA SFIORATA - L'Eco Del Litorale | Notizie online








Cronaca

NETTUNO MOVIDA VIOLENTA, TRAGEDIA SFIORATA

Speriamo che l’ennesima aggressione, della quale di seguito pubblichiamo una sintesi di cronaca che è  avvenuta lo scorso week end nel borgo medievale di Nettuno, riesca a sensibilizzare i giovani ad avere un comportamento responsabile e ad avvisare nell’immediato le forze dell’ordine alla prima avvisaglia di pericolo.

L’aggressione avvenuta sabato notte al Borgo di Nettuno, ha dimostrato che dopo il lockdown la  violenza tende a tornare come elemento negativo della movida  nella Città del Tridente. Aggredito un ragazzo di 20 anni, che è stato pestato da due persone,  a conclusione di una serata  trascorsa nel Borgo Medievale. Ad intervenire la volante Anzio 1 del Commissariato di Polizia di Anzio intervenuta su chiamata del 118, presso gli Ospedali Riuniti, dove alle ore 4,30 della domenica, il giovane era stato trasportato, in stato confusionale dopo l’aggressione. Gli autori del pestaggio sarebbero due

La madre, in  un  post fb, inizio settimana,  ha aggiornato sulle condizioni del figlio:

Siamo al San Camillo a Roma. Vi aggiorno: il chirurgo maxillofacciale per le FRATTURE SUBITE e riportate a seguito dei colpi inferti da due  aggressori identificati  dalle Forze dell’Ordine ( pugno in faccia e calci  mentre Tommaso era a terra inerme ) decide di non operare Tommaso e di vederlo ogni settimana.  Fratture composte. Per quanto riguarda la vista… l’occhio sinistro a detta del maxillo facciale è compromesso. Ora mentre vi scrivo T. sta con l’oculista che sta valutando la situazione GRAVE. Ma gli aggressori  hanno capito che lo stavano  ammazzando?

Nei giorni seguenti la stessa madre, ha ringraziato sia coloro che hanno soccorso il figlio sia tutti coloro che quotidianamente la sostengono con messaggi, saluti.







Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi