ItaliaMondoRoma Capitale

Audizione regionale sull’impianto biometano di Via della Spadellata ad Anzio

Audizione regionale sull’impianto biometano di Via della Spadellata ad Anzio. Il Vicesindaco Fontana: “Ribadita la richiesta di revisione della procedura per la realizzazione dell’impianto. Intanto adottati gli atti per la riduzione dei costi di conferimento”. L’Assessore Ranucci: “Con la convenzione, 100.000 euro di ristoro per la Città di Anzio ed ulteriori 3,60 euro a tonnellata per i rifiuti conferiti da altri Comuni” 

“Nell’audizione sull’impianto biometano di ieri in Regione, la Città di Anzio ha ribadito la richiesta del riesame della procedura per la realizzazione dell’impianto di Via della Spadellata. Attualmente, dopo aver appurato che indirettamente e con una spesa maggiore, i rifiuti organici del nostro Comune venivano comunque conferiti in Via della Spadellata, l’Amministrazione ha adottato gli atti necessari finalizzati ad una consistente riduzione dei costi di conferimento”.

Lo ha affermato il Vicesindaco di Anzio, Danilo Fontana, in rappresentanza del Sindaco, Candido De Angelis, impossibilitato ad intervenire per impegni precedentemente assunti, che insieme all’Assessore alle politiche ambientali, Giuseppe Ranucci, ha partecipato all’audizione, in videoconferenza, convocata dal Presidente della commissione ambiente e rifiuti della Regione Lazio, Marco Cacciatore.

“A fronte di consolidare i vantaggi per i cittadini, – dichiara l’Assessore Ranucci – la Commissione Consiliare Ambiente del Comune, ha dato il via libera alla convenzione con l’impianto, per un ristoro economico alla Città di 100.000 euro e di ulteriori 3,60 euro, per ogni tonnellata si rifiuti conferiti da altre Enti. Inoltre, rispetto al conferimento degli sfalci e delle potature, la Città di Anzio potrà ottenere ancora maggiori risparmi, pari a circa il 50% rispetto al passato”.

 

Articoli correlati

Back to top button
Notizie anzio, nettuno
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: