SANITA’: APPROVATA MOZIONE FDI SU STABILIZZAZIONE PERSONALE SANITARIO PRECARIO - L'Eco Del Litorale | Notizie online








convegno

SANITA’: APPROVATA MOZIONE FDI SU STABILIZZAZIONE PERSONALE SANITARIO PRECARIO

“Il Consiglio regionale ha approvato all’unanimità una mozione presentata dal gruppo Fratelli d’Italia dove si impegna il Presidente Zingaretti e la Giunta regionale a porre in essere tutte le azioni necessarie a individuare un percorso che preveda la internalizzazione del personale infermieristico e OSS delle Cooperative in servizio presso le aziende sanitarie pubbliche che fanno capo al servizio sanitario della Regione Lazio, attraverso procedure ad evidenza pubblica e una volta espletate ed esaurite  quelle già in vigore (vedi la graduatoria dell’azienda ospedaliera  Sant’Andrea).” Lo rende noto il consigliere regionale di FDI Massimiliano Maselli, primo firmatario della mozione.   “Durante l’emergenza Covid-19 il personale infermieristico e OSS delle Cooperative  impegnato presso le aziende ospedaliere Policlinico Umberto I e Policlinico Tor Vergata, come in altre aziende sanitarie pubbliche, ha svolto un lavoro straordinario.  Considerato che dal Governo nazionale e dalla UE dovrebbero arrivare risorse da impegnare in campo sanitario, la stabilizzazione di tale personale rappresenta una  grande opportunità. Sono operatori che da anni (in taluni casi si parla anche di più di 20 anni) prestano servizio in modo precario ma che hanno maturato sul campo esperienza, professionalità e conoscenza dei luoghi di lavoro e che quindi vanno considerati un patrimonio del sistema sanitario regionale, una risorsa da tutelare. Valutato che la situazione emergenziale dovuta al Covid-19 ha messo drammaticamente in evidenza quanto sia importante avere all’interno delle strutture ospedaliere personale che sia già formato, si ritiene opportuno provvedere alla internalizzazione di tali operatori sanitari attraverso procedure ad evidenza pubblica una volta espletate e soddisfatte  le graduatorie che sono in essere, come previsto anche dalla legge regionale n.4 del 2017.”

 





Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi