Passione di Cristo di Nettuno verso la candidatura Unesco - L'Eco Del Litorale | Notizie online








Comunicati Stampa

Passione di Cristo di Nettuno verso la candidatura Unesco

Bene, anche questa è fatta. Lascio Caltanissetta con la consapevolezza di essere riusciti, comunità, sindaci, soprintendenza, consorzio universitario, prefettura, esperti, a costruire un’idea di piano di salvaguardia condiviso per una proposta e una prospettiva di sviluppo culturale e territoriale integrata, riferita alle città della Rete di Europassione. Tavoli circolari. Con Paolo Patanè Capo di Gabinetto del Comune di Noto Patrimonio UNESCO abbiamo approfondito il tema della governance sulla base dell’esperienza della Val di Noto, che ha dato lo spunto per veicolare l’importanza delle piattaforme di rete per la gestione del patrimonio finalizzata alla salvaguardia dell’eredità culturale. Con Daniela Vullo, Soprintendente ai BB.CC.AA. di Caltanissetta , si è trattato il ruolo della Soprintendenza e delle istituzioni ministeriali per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale ed è stato evidenziato il cambio di rotta concreto rispetto al tema del patrimonio culturale immateriale, a partire dal Registro per le Eredità immateriali siciliano. Natale Giordano, Direttore Ufficio Regionale ICCN per l’Europa e il Mediterraneo, ha illustrato alcune dinamiche e modelli di gestione innovativi e partecipati per le Eredità Culturali, riconducibili all’istituzione degli ecomusei. Angela Colosimo, Project Manager Management Advisor Srl, ha illustrato le linee di progettazione europea come forma di finanziamento per i progetti culturali europei di alta cultura. Il Prefetto di Caltanissetta S.E. Dott.ssa Cosima Di Stani e il viceprefetto Signorelli si sono soffermati su di un aspetto che è di grande interesse per i portatori d’interesse, sindaci e comunità , la direttiva Gabrielli per i Piani di sicurezza, sui quali è necessaria un’attenzione particolare e finalizzata al contemperare le peculiarità di un elemento immateriale con le esigenze della sicurezza in luoghi di grande assembramento. L’interazione con gli amministratori dei 16 comuni convenuti, che assumeranno il ruolo di comuni di indirizzo per i restanti della Rete che ha capofila Caltanissetta, è stata costante e continua su tutti i temi presentati. Abbiamo avuto il sostegno del Consorzio Universitario Siciliano e abbiamo tessuto trame, destinate a diventare nuove reti tematiche, con la Soprintendenza e la Prefettura. Ci siamo confrontati con un deputato della Repubblica, l’on. Azzurra Cancelleri, che è intervenuta definendo un quadro di possibile interazione e assicurando le nostre istanze al governo. Chiudo richiamando un intervento speciale, quello di Francesco, 16 anni. Che ha dato un senso a tutto quello che facciamo per il patrimonio culturale immateriale italiano. Nelle prossime settimane, sulla base degli accordi presi, vedrà la luce la Carta di Caltanissetta. Un grazie di cuore al sindaco Gambino e alla sua Giunta, al Presidente Sialino di Europassione per l’Italia, alle comunità dei sodalizi, alla Real Maestranza e al Teatro della Parola, a tutti coloro che si sono prodigati per la riuscita dell’evento. Grazie alla segretaria per antonomasia, l’ottima Concetta Cataldo, che ha gestito la l’organizzazione e la logistica del progetto, al sindaco di Nettuno che ha delegato l’Assessore Camilla Ludovisi e il Consigliere Luca Ranucci.





Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi