Anzio, aggressione al ragazzo nigeriano: 11 mesi di reclusione sospesi con la condizionale - L'Eco Del Litorale | Notizie online


anzio

Anzio, aggressione al ragazzo nigeriano: 11 mesi di reclusione sospesi con la condizionale

Si è concluso con 11 mesi di reclusione con sospensione condizionale della pena il processo al 18 enne di Anzio, accusato di aver preso a bastonate con un suo coetaneo Buchi Henson, un ragazzo nigeriano. Il 17enne che era con lui è stato denunciato a piede libero e sulla sua partecipazione al pestaggio dovrà pronunciarsi la Procura per i minori di Roma. Il giudice ha escluso l’aggressione a sfondo razziale: i due hanno aggredito senza motivo, nel mese di settembre il ragazzo nei pressi della stazione di Anzio. La notizia è rimbalzata sui maggiori organi di stampa nazionale.

Subito dopo l’aggressione abbiamo rintracciato Buchi il 24enne nigeriano aggredito, che ha risposto così alle nostre domande:

 
Cosa ti è successo perché sei ferito? 
“Sono stato picchiato da due ragazzi, passavo li, mentre fumavano una sigaretta. Mi hanno chiesto che guardi?  Io non ho risposto, sono andato via e mi hanno tirato un pezzo di legno dietro la gamba. Ho continuato a camminare e sono tornati con dei bastoni. Mi hanno colpito alla testa e addosso, anche quando ero per terra fuori la stazione.
 

Li conoscevi? 

“No, non so chi sono.”

Cosa ti dicevano mentre ti colpivano?

“Urlavano  Vaff Stron..”

Da dove vieni? 

“Il mio nome è Buchi Elson, sono della Nigeria. Ho due fratelli e due sorelle ancora li, con i miei genitori. Sono 5 anni che non li vedo. Mi manca tanto mia madre, sono quattro mesi che non la sento, nemmeno al telefono.”





Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi