Ardea, la Polizia Locale demolisce un fabbricato alle Salzare. Momenti di tensione con gli operai ed i rom - L'Eco Del Litorale | Notizie online








ardea

Ardea, la Polizia Locale demolisce un fabbricato alle Salzare. Momenti di tensione con gli operai ed i rom

Nella giornata di ieri la polizia locale di Ardea, coordinata dal Dirigente Sergio Ierace in un’operazione svolta anche con l’ausilio dei Carabinieri Forestali, ha proceduto ad eseguire una ordinanza emessa dal Sindaco Mario Savarese, per la demolizione immediata di mura elevate progettualmente per l’edificazione dell’ennesima costruzione abusiva, nella zona delle “Salzare” sottoposta a vincoli e già oggetto in precedenza di diversi abusi. Durante l’intervento, non sono mancati momenti di tensione, con gli operai presenti sul posto ed i rom circa 30, poi rientrati grazie alla determinazione degli operatori della Polizia Locale, tra cui 6 donne e due uomini, che con la presenza e tre mezzi meccanici, dopo aver messo in sicurezza l’area, ha proceduto all’abbattimento delle mura perimetrali costruite da soggetti noti italiani e rom di origine siciliana.

Il dirigente Sergio Ierace:

“Non sarà più permessa l’edificazione abusiva in questa area già più volte oggetto di abusi che non saranno più tollerati. L’impegno della Polizia Locale di Ardea, sul territorio sarà costantemente intrapreso con il compito di affermare la legalità. Proseguiranno nei prossimi giorni i controlli nell’area e sul territorio da parte del corpo della Polizia Locale.”

Il sindaco Mario Savarese, in merito ha dichiarato:

”Edificazione abusive scovate e abbattute sul nascere. Si intensifica nel territorio l’azione incisiva e determinata della Polizia Locale, sotto la guida del Comandante Sergio Ierace. Un’azione preventiva che si traduce in economia per l’ente che oggi non ha risorse sufficienti, per affrontare le spese necessarie ad abbattere le centinaia di immobili per i quali é già stata emessa sentenza di demolizione. A breve inizieremo a notificare le sanzioni per inottemperanza a chi continua ad ignorare le leggi.”



Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi