Nettuno, continua la querelle tra il centro destra e Casapound. La replica del candidato Alessandro Coppola - L'Eco Del Litorale | Notizie online








Comunicati Stampa

Nettuno, continua la querelle tra il centro destra e Casapound. La replica del candidato Alessandro Coppola

La lettera del segretario territoriale di Casapound Anzio- Nettuno Daniele Combi

Nettuno, la coalizione di centro destra chiede il ritiro della candidatura di Mario Eufemi. L’Udc li blocca

ha sollevato un vero e proprio vespaio, tra le fila della coalizione di centro destra. La sua testimonianza non sembrerebbe lasciare margini di fraintendimento. È emerso dal redatto di Combi, che il candidato sindaco di Nettuno Alessandro Coppola a trazione Forza Italia, ha preso in considerazione di allargare la sua coalizione all’estrema destra. Un ipotesi respinta dal senatore dell’Udc Antonio Saccone, per coerenza con la coalizione a maggioranza centrista

Nettuno, amministrative il Senatore Saccone replica a Casapound: “Cambierebbe la natura della nostra coalizione”

Il punto cardine che ha spinto le due forze alla trattativa è il coordinatore della Lega Maurillo Leggieri, menzionato nella lettera di Combi che scrive: 

“Mercoledì 17 Aprile alle ore 10, ho ricevuto, in presenza di altre persone (per il momento eviterò di farne i nomi), una proposta dal coordinatore della Lega, Sig. Maurilio Leggeri, di ritirare la nostra candidatura con Eufemi Sindaco e di confluire con la nostra lista nella coalizione del centrodestra per Coppola Sindaco in cambio di un assessorato ai servizi sociali e di un progetto comune per scongiurare il ballottaggio e garantire continuità amministrativa alla nostra Nettuno..”

Uno spaccato delle trattative mostrato da Casapound, a cui il candidato della coalizione di centro destra Alessandro Coppola, ha replicato cosi: 

“In merito al comunicato diffuso dal Segretario di Casapound, ci sono alcune precisazioni da fare. La prima è che, come mi riferisce Maurilio Leggieri, è stato il delegato della lista di Cp a cercare il coordinatore della Lega per valutare la possibilità di un percorso comune. Questo confronto tra la Lega e Cp ha generato un incontro tra i delegati locali e provinciali di Cp a cui ho preso parte anche io e in cui si è discussa la possibilità di un ingresso della lista nella coalizione di centrodestra. In nessun momento si è parlato di assessorati in mia presenza e posso garantire che non sono state promesse né garantire cariche assessorili a nessuno e chi dice questo lo fa, probabilmente, per millantare un credito che non ha. L’incontro non ha portato né a proposte di ingresso in coalizioni né a conclusioni di altro genere. Mi sono riservato di valutare questo possibile accordo e condividere la mia eventuale decisione con tutti i rappresentanti del centrodestra. Nel successivo incontro con i coordinatori dei partiti che mi sostengono ho condiviso la mia conclusione che non ci fossero i margini per un percorso comune con Casapound. Dispiace che questa mia scelta abbia urtato la sensibilità del Segretario di Casapound, che probabilmente ha visto sfumare la possibilità di conquistare un posto in consiglio comunale, ma i toni del suo comunicato rendono chiaro che la decisione di non procedere insieme è stata certamente quella giusta.

Alessandro Coppola”



Top