Alcune considerazioni nella giornata della festa del papà Auguri papà... e il dramma dei papà separati di Maurizio Brugiatelli. - L'Eco Del Litorale | Notizie online








Al Maschile

Alcune considerazioni nella giornata della festa del papà Auguri papà… e il dramma dei papà separati di Maurizio Brugiatelli.

Alcune considerazioni nella giornata della festa del papà

Auguri papà… e il dramma dei papà separati.

Nel groviglio di ciò che comporta una rottura relazionale vincolata da promesse e prole si fa i conti sempre con una crisi.
Tante volte, molti giorni, in molteplici occasioni facciamo i conti con il dramma, il dolore e la fatica dei papà separati. Le motivazioni, i dettagli e la dinamica della decisione dell’atto di separazione e di divorzio coniugale sono importantissimi e basilari, per le considerazioni legislative e di tutela soprattutto dei figli.

Al momento però tanti sono i papà separati, che vivono sotto la soglia di povertà, e tanti in condizione di indigenza. Numerosi finiscono per strada, senza una casa o un posto in cui dormire. Papà separati che, sebbene abbiano ancora un lavoro, tra assegni di mantenimento per l’ex-moglie ed i figli, il mutuo della casa da pagare, non riescono a sostenere le spese neanche per fittare un alloggio; ma parliamo anche di padri separati che hanno perso la loro occupazione e non hanno più le forze per rialzarsi, diventando inevitabilmente dei clochard perché alla madre vanno la casa, a carico anche il 50% delle spese straordinarie (mediche, scolastiche e sportive). E, come se non bastasse, il padre deve farsi anche carico della rata del mutuo di una casa di cui non disporrà più fino all’autonomia economica dei figli e dell’affitto per una nuova abitazione.
Nel groviglio di ciò che comporta una rottura relazionale vincolata da promesse e prole si fa i conti sempre con una crisi, che è stata provocata.

Ahinoi, dobbiamo dirlo ed essere sinceri, la crisi dei rapporti in tante situazioni è la cartina tornasole di una crollo sociale ed economico, che non garantisce più una stabilità psico-fisica dell’umano vivere. Il risultato è lo sfaldamento e l’annientamento della famiglia nella fattispecie nella figura paterna nel momento in cui il lavoro e le risorse economiche mancano.

Papà, che non possono portare la domenica mattina i propri figli alle giostre, è una violazione alle aspirazioni primordiali della genitorialità, giocare.

Papà, che non possono permettersi di pagare un fitto mensile per assicurare un luogo sicuro alla propria famiglia, è l’esproprio della dignità.

Papà, che non possono acquistare pane, latte e caffè per un bisogno primordiale di sopravvivenza, è un suicidio davanti all’ progetto divino che è l’umanità.

Papà, che non possono favorire lo sviluppo educativo e culturale dei propri figli, è la vergogna di tutta una vita.

Papà, che non possono spendere il giusto indispensabile per vestire decorosamente i propri figli, è la nudità del male per cui bisogna convivere per sempre.

Papà, che non possono portare più i propri figli a cavalcioni sulle spalle, è la sconfitta della vita.

Raggiunto il fallimento e la destrutturazione della figura paterna forte, protettiva e sognatrice il passo è breve per la rassegnazione, che si consuma il più delle volte in macchina maleodoranti a luci spente lungo le arterie periferiche della nostra città. Padri mendicanti orfani di carezze, di figli e di pietà umana, nel nascondimento frustante per la mancata gratificazione e realizzazione di un desiderio, disillusi si abbandonano nell’angoscia di una esistenza senza più senso.

Maurizio Brugiatelli



Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi