Riflessioni del Direttore: XXIII Congresso Nazionale del CNIFP, Alghero proclamata Capitale Europea Fair Play. Ruggero Alcanterini rieletto presidente - L'Eco Del Litorale | Notizie online








Editoriale del Direttore

Riflessioni del Direttore: XXIII Congresso Nazionale del CNIFP, Alghero proclamata Capitale Europea Fair Play. Ruggero Alcanterini rieletto presidente

Ospitati nel catalano “Lo Quarter”, nell’auditorium del  San Michele, in Alghero,  il vasto complesso architettonico pluristratificato restaurato, rinnovato e restituito alla città, con sale espositive, sala conferenze, l’ampia corte esterna e  biblioteca , nel cuore del centro storico, si sono svolti i lavori della XXIII Assemblea Nazionale ed il Congresso Elettivo del CNIFP, associazione benemerita riconosciuta dal Coni. Nel chiudere il mandato conferitogli di presidente nazionale del Comitato Nazionale Italiano Fair Play, Ruggero Alcanterini, ha enunciato il ricco programma di iniziative che con i componenti del suo direttivo ha potuto realizzare nei quattro anni di presidenza.
Non ultima l’iniziativa di promuovere, a fine dello scorso mese di febbraio, “Amatrice Capitale del Fair Play” con una imponente manifestazione tenuta nello Stadio di Domiziano, sotto piazza Navona, a Roma, dove è stata anche annunciata l’istituzione del “Domitianus Fair Play International Award”, svelando le nomination relative all’Evento, la cui cerimonia di assegnazione a Roma è prevista per lunedì 5 giugno, al Salone d’Onore, nella sede del CONI al Foro Italico e di cui sarà insignito lo stesso presidente della Bce Mario Draghi. Di seguito, come atto conclusivo del quadriennio olimpico, domenica 12, prima dell’inizio dei lavori congressuali il presidente del CNIFP, ha spiegato la scelta della location sarda, dicendo: “la scelta di Alghero è motivata dal fatto che ha uno straordinario bagaglio di peculiarità storiche e un’offerta culturale, artistica ed etica che ne fa un esempio quasi unico a livello nazionale”.

All’uopo Alcanterini ha ufficialmente proclamato “Alghero Capitale mediterranea del fair play 2018”. Il Comitato Italiano Fair play, che vanta un importante protocollo di collaborazione con l’Anci e sinergie internazionali tramite EFPM, CIFP, Isca ed ENGSO, oltre che con la UBAE in Catalogna, considera Alghero città di riferimento per tutte le iniziative inerenti la responsabilità sociale attraverso l’etica, la cultura e lo sport in chiave nazionale e intercontinentale, con particolare riferimento all’area euro-mediterranea.

Il sindaco della città ospitante l’evento, Mario Bruno, nel ricevere l’importante riconoscimento accompagnato da una medaglia e dal distintivo CNIFP, che Alcanterini, Cassano e Masala gli hanno consegnato, ha ricordato l’opera di rigenerazione urbana della città con le varie strutture algheresi ristrutturate e da ristrutturare, dedicate tutte ad opere per l’accoglienza della Cultura, che la sua amministrazione sta portando avanti. Dichiarando inoltre: “Questo riconoscimento di “Alghero Capitale del Fair Play nel mediterraneo” quale ruolo morale, ancorchè effettivo, ha stimolato ulteriormente a sviluppare il messaggio che attraverso l’iniziativa del CNIFP si intende estendere all’intera nostra nazione, perché l’Italia possa sviluppare sempre più quei grandi valori culturali che storicamente le appartengono”.
Leggendo, poi, un saluto inviato dal presidente del CONI Giovanni Malagò, Ruggero Alcanterini, ha aperto i lavori della XXIII assemblea Nazionale del CNIFP. Malagò ha così scritto: “Sostenendo la validità e l’importanza di azioni intraprese e programmate del CNIFP” , mi fa piacere condividere questi vostri momenti perché occorre “Rinnovare le sfide che vi caratterizzano per contribuire a radicare una cultura sportiva che sia il punto di riferimento per lo sviluppo del Paese. E’ questo il traguardo da raggiungere insieme, grazie al vostro fondamentale supporto, con coraggio, passione e capacità, facendo dei valori che rappresentano l’architrave del nostro movimento un manifesto da sventolare con orgoglio. Rivolgo il più sincero saluto, a nome personale e del CONI, all’Assemblea Nazionale del Comitato Nazionale Italiano per il Fair Play, riunita ad Alghero per eleggere i quadri direttivi del prossimo quadriennio. L’occasione mi consente di manifestarvi gratitudine per l’attività svolta e, contestualmente, mi offre l’opportunità di ribadirvi pieno sostegno in vista dei prossimi obiettivi da perseguire. La città che ospita il consesso, destinata a diventare un punto di riferimento nel Mediterraneo nell’ambito della vostra attività, rispecchia certamente una scelta ponderata e opportuna, corollario di un’azione costellata di iniziative meritorie come quella che vi ha visto recentemente in prima linea nell’attribuzione del premio internazionale di capitale del Fair Play ad Amatrice”.
Per il CNIFP non poteva mancare la presenza di un campione dello sport, infatti è intervenuto l’Olimpionico Daniele Masala, pentathlon moderno, che ha dichiarato : “Uomo del Fair Play, rima che campione olimpico, uomo di esperienza nel mondo dello sport e oggi docente nel mondo universitario ho colto l’invito del presidente del CNIFP ad essere presente a questo evento , perché la mia vita è lo sport e lo sport è la mia vita”. Subito dopo aver ricevuto targa, medaglia e distintivo del CNIFP da parte di Alcanterini, Masala ha detto: “Sono presente anche perché condivido l’importanza di incrementare la cultura dello sport che è, in qualche modo, la punta di un grande iceberg che è il sommerso, che è intrinseco alla società”. Masala, per l’occasione, appassionato di musica, ha stupito tutti con le sue inattese “magie” al pianoforte, ottenendo l’osservazione di Alcanterini: “Un campione dal pentathlon al pentagramma”. Ricordando le gesta di Masala nello sport, vengono alla mente le medaglie d’oro conquistate sia nell’individuale sia con la squadra, insieme a Cristofari e Massullo, ai Giochi olimpici di Los Angeles nel 1984. L’anno dopo vincitore del bronzo a squadre ai mondiali e sesto nella prova individuale, mentre nell’edizione del 1986, ai mondiali, artefice della conquista nella stessa specialità (con Massullo e Cesare Toraldo) dell’oro, nonché dell’argento nell’individuale; poi ancora nel 1988 ai Giochi Olimpici di Seul, argento nella gara a squadre prima di passare all’incarico di C.T. della nazionale italiana e creare e dirigere la rivista Il Pentathlon Moderno. Oltre ai membri del direttivo CNIFP, Antonangeli, Perazzini e Anania, protagonisti il segretario generale Giorgio De Tommaso, il vicepresidente vicario Francesco Cassano ed il Direttivo nazionale ed il sindaco di Alghero Mario Bruno sono intervenuti anche il presidente del Consiglio comunale della stessa città Matteo Tedde e l’avvocato veronese Paola Urbani esperta di Fair Play finanziario, che ha svolto anche il ruolo di presidente dell’assemblea
La giornata assembleare e congressuale, per l’elezione del nuovo presidente e delle cariche direttive del benemerito sodalizio, si è conclusa con la riconferma nell’incarico presidenziale a Ruggero Alcanterini per i prossimi quattro anni. Alcanterini, aggiunge questo incarico alla nomination di membro d’onore del Movimento Europeo del Fair Play, che vedrà la proclamazione ufficiale nel corso dell’assemblea che si terrà Jaffa (Israele), nel prossimo mese di ottobre. Il riconfermato Presidente, nel ringraziare tutti ed in particolare Franco Cassano per l’accoglienza e la perfetta organizzazione dell’evento, ha anche annunciato la nomina di Guglielmo Moretti, personaggio storico del giornalismo e dello sport, mitico inventore di “Tutto il calcio minuto per minuto” a presidente onorario del CNIFP, insieme a Giovanna Nebiolo. Oltre al presidente, nel consiglio direttivo nazionale, sono stati eletti: Orazio Anania, Roberto Antonangeli, Gavino Carta, Franco Cassano, Giorgio De Tommaso, Federico Locci, Mauro Maresu, Claudio Perazzini, Gesumino Roggio, Giampiero Ventura Mazzuca, Umberto Silvestri, Cesare Chessa. supplente Gianfranco Tartaglia. Cassano e de Tommaso sono stati confermati rispettivamente v.presidente vicario e segretario generale.
Ciliegina sulla torta per Alghero, è stata anche la proposizione gustativa dei cibi, con la storicità e la bontà delle eccellenze del territorio, che Angelo Salis, cultore della ristorazione e dell’ospitalità, ha offerto ai convegnisti nel suo “Granada club”, circolo AICS Associazione Italiana Cultura e Sport, facendo degustare la cucina tipica algherese da lui elaborata, unitamente ad altri noti chef come Mario Calcia e Carmen Celestini, che collaborano alla sua particolare iniziativa per affermare non solo in campo locale, ma anche nazionale il motto: “La nostra Esperienza per la tua Formazione” .
Giuseppe De Girolamo



Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi