Regione Lazio

Arriva la sentenza che accoglie il ricorso al Tar per l’IPI e l’Eco Car, rispettivamente vincitrici dei bandi per Nettuno e Anzio e che annulla il vincolo dell’interdittiva.

Arriva la sentenza che accoglie il ricorso al Tar per l’IPI e l’Eco Car, rispettivamente vincitrici dei bandi per Nettuno e Anzio e che annulla il vincolo dell’interdittiva.
Il 18 novembre , è una data nella quale Eco car e IPI hanno brindato, dopo che si è svolta la sentenza al Tar del Lazio, che ha accolto il ricorso che avevano presentato in merito all’interdittiva:
( la Eco Car vincitrice del bando per il servizio di raccolta urbana nel Comune di Anzio , anche se per l’interdittiva, attualmente viene gestito dalla Società Camassa )
( IPI Impresa Pulizia industriali, gestisce il comune di Nettuno )
L’IPI , sta subendo ripercussioni anche sulle proprie risorse , i dipendenti non potranno ricevere lo stipendio del mese di novembre e forse neanche quello di dicembre, perché la stessa non ha ricevuto il pagamento della fattura relativa ai servizi da parte del Comune di Nettuno. A quanto dichiarato nell’ incontro che il Sindaco Casto ha promosso nella sede dello stabilimento di Tre Cancelli, in data di sabato 19 novembre, attraverso le dichiarazioni di un dipendente che abbiamo intervistato , la data di risoluzione al problema non è immediata.
Amplio servizio della nostra redazione in data 21 novembre durante il tg di Tele In con servizi e interviste esclusive con i dipendenti , lo stesso tg sarà diffuso attraverso i nostri profili social.

Riproduzione vietata
La redazione

Articoli correlati

Back to top button
Notizie anzio, nettuno
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: